Quale è il passeggino gemellare migliore?

di | 8 luglio 2019

Uno accanto all’altro o uno dietro l’altro in fila? Qual è la soluzione migliore per portare a spasso una coppia di gemellini? Un passeggino gemellare con posti affiancati o il modello a “tandem” o “trenino dove i piccoli sono posizionati uno dietro l’altro? 

Indecisi i genitori sono spesso portati a scegliere senza conoscere in modo approfondito l’argomento di cui invece è possibile avere informazioni utili su questo sito passegginipergemelli.it

 

Se ne vedono in giro di diversi tipi e modelli perché l’offerta del mercato è davvero variegata ma non si può non notare come a volte le mamme, perché sono quasi sempre loro a gestire i piccoli, fatichino a spingere i passeggini del tipo accoppiato e debbano fare talora slalom sui marciapiedi per la difficoltà determinata dall’ingombro di questi modelli “affiancati”.

E’ chiaro che questo è il modo migliore per portare a spasso i piccini che hanno uguale possibilità di guardarsi intorno senza ostacolarsi reciprocamente ma resta il fatto che il volume e il peso di questo passeggino non facilita la vita della mamma. Perché dobbiamo considerare anche l’ingombro e soprattutto il peso per sollevarlo chiuso e vuoto e riporlo nel bagagliaio dell’auto.

 

Il modello a trenino invece è decisamente più manovrabile perché le dimensioni sono più lineari e quindi più adattabili alle esigenze di passaggio per esempio passando dalla porta dell’ascensore o della casa; non cambia invece il problema “peso” che resta comunque più o meno invariato.

Scomodo invece o comunque poco favorevole alla socializzazione dei piccoli soprattutto per chi dei due resta dietro, avendo poca visualità che non permette di godere della vista che ha invece il piccolo che resta seduto nella postazione davanti. Una situazione che, stando ad alcuni psicologi infantili, determinerebbe la possibilità che i piccoli seduti nel seggiolino posteriore si innervosiscano e diventino irritabili sia nei confronti del gemello che della madre.

Allo scopo, vale la pena di ricordare come nel modello a trenino, esista anche la possibilità di muovere i sedili e girarli per consentire ai gemellini una posizione frontale in modo tale da favorire complicità e legame fra i piccini.